ADI UCP Dom e RSA aperta

_MG_0044 adi

A.D.I. – UCP DOM

La Fondazione è accreditata dall’ATS di Bergamo per il servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (A.D.I.) presso il Distretto di Treviglio e di Romano di Lombardia.

CHE COSA è l’A.D.I.

L’Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è un servizio completamente gratuito rivolto a persone in situazioni di fragilità, senza limitazioni di età o di reddito, caratterizzate dalla presenza di:

  • una situazione di non autosuffcienza parziale o totale di carattere temporaneo o definitivo.
  • una condizione di non deambulabilità e di non trasportabilità presso i presidi sanitari ambulatoriali.

È un servizio di supporto alle famiglie che collaborano alla stesura del piano assistenziale individuale e nella gestione del paziente.

Il personale di assistenza si occupa anche della formazione e addestramento dei famigliari.

TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI EROGATE

Le prestazioni sono di tipo:

  • Infermieristico
  • Assistenziale (ASA/OSS) per l’igiene
  • Assistenza psicologica
  • Cure palliative rivolta ai malati in fase di “fine vita”, complessi e in condizioni cliniche instabili
  • PRESTAZIONI ESTEMPORANEE (Prelievo occasionale o ripetuto in caso di monitoraggio della terapia anticoagulante orale; Posizionamento di catetere vescicale a permanenza; Clistere)
  • RIABILITATIVO: al domicilio possono essere erogate la riabilitazione neuro-mototria o quella Respiratoria.La richiesta di attivazione può essere fatta solo dal medico di base che dovrà richiedere la visita dello specialista fisiatra  dell’Ente accreditato nell’ambito ADI.

Non rientrano nell’ambito specifico dell’ADI i pazienti post-acuti e i pazienti cronico-stabilizzati.

DIMISSIONI PROTETTE

Nel caso di dimissioni protette, per pazienti particolarmente critici, l’attivazione dell’ADI da parte dell’ospedale precederà quella del medico di base e verrà inviata all’apposito ufficio.

ORARIO DI FUNZIONAMENTO

Il servizio di assistenza domiciliare è garantito dal lunedì al venerdì dalle 08.00 alle 18.00, con estensione anche al sabato e alla domenica sulle 24 ore per i pazienti in cure palliative.

REPERIBILITA’ TELEFONICA

È attiva la reperibilità telefonica dalle 09.00 alle 18.00 sette giorni su sette al numero Tel. 335.1299967

Inoltre per  i pazienti in cure palliative è attiva la reperibilità telefonica notturna anche dopo le 18.00 e fino alle ore 9.00 del mattino secondo le indicazioni fornite dall’infermiera referente. 

COME SI RICHIEDE L’ADI?

Mediante un prima valutazione da parte del Medico di Base o in seguito alle dimissioni da strutture ospedaliere, sempre in accordo con il Medico di Base.

Le richieste di attivazione di assistenza domiciliare, formulate dal medico di base, sono trasmesse in via telematica al Centro per l’Assistenza Domiciliare (CeAD) presso i Distretti ASL di Treviglio e Romano di Lombardia per la verifica dell’appropriatezza della richiesta.

PRESA IN CARICO E DIMISSIONI

I famigliari verranno contattati dall’ASL per la scelta dell’Ente Erogatore.

L’operatore dell’Ente prescelto, ricevuta la richiesta di attivazione contatterà la famiglia per concordare la valutazione del paziente e l’organizzazione del servizio.

Si recherà presso il domicilio per:

  • attivare il FAscicolo Sociosanitario ASsistito;
  • concordare il Piano di Assitenza Individuale con il medico di base, il paziente e i suoi famigliari;
  • predisporre e lasciare al domicilio la documentazione per l’assistenza e il Diario Clinico (che sarà ritirato al termine del periodo di assistenza).

La dimissione del paziente può avvenire per:

  • ricovero presso strutture ospedaliere o di assistenza;
  • volontà del paziente o dei famigliari;
  • decesso del paziente.

La rete degli operatori ADI:

  • 1 Infermiera Coordinatrice
  • 3 Infermiere
  • 1 fisioterapista
  • 1 educatrice

Rete di operatori socio assistenziali

  • 1 medico geriatra
  • 1 medico fisiatra
  • 2 psicologhe
  • 1 addetta amministrativa.

NB: L’eventuale ricovero presso l’Hospice della Fondazione è gratuito per i pazienti assistiti dall’équipe ADI.

PRESTAZIONI AGGIUNTIVE

Nel caso in cui il paziente non possieda i requisiti di eleggibilità previsti dall’ASL, l’èquipe ATS può erogare prestazioni a pagamento, rilasciando regolare ricevuta fiscale per la detrazione.

 

“UNITÀ DI CURE PALLIATIVE DOMICILIARI UCP DOM”

 Cosa fanno

Le Unità di Cure Palliative Domiciliari (UCP-Dom) erogano assistenza domiciliare cure palliative a favore di persone affette da patologie ad andamento cronico ed evolutivo per le quali non esistono terapie o, se esistono, sono inadeguate o inefficaci ai fini della stabilizzazione della malattia o di un prolungamento significativo della vita.

 Le UCP-Dom sono uno dei nodi erogativi della Rete Regionale e Locale di Cure Palliative ed operano al suo interno in modo organizzato e coordinato sulla base di protocolli formalizzati nell’ambito della Rete.
Erogano prestazioni professionali di tipo medico, infermieristico e psicologico, aiuto assistenziale e sostegno spirituale oltre ad eventuali accertamenti diagnostici, fornitura dei farmaci, dei dispositivi medici, presidi ed ausili previsti dal Piano di Assistenza Individuale (PAI).

 La Fondazione Anni Sereni garantisce diverse équipe multidisciplinari e multiprofessionali in possesso di adeguata formazione ed esperienza, composte da:
medico, infermiere, OSS, psicologo, più altre figure professionali individuate in base alle specifiche esigenze.

 Sono inoltre assicurate le figure professionali del fisioterapista, del dietista e dell’assistente sociale, attivabili in funzione del Piano di Assistenza Individuale.
Le suddette figure sono integrate dall’assistente spirituale, nel rispetto della volontà e della libertà di coscienza del cittadino.

 

Tali équipe sono in grado di erogare Cure Palliative nei due livelli assistenziali:

  1. livello base:

vengono erogati interventi rivolti a malati con bisogni clinici e assistenziali a decorso stabile e con minor tendenza a sviluppare complicanze; oltre a interventi programmabili.

  1. livello specialistico:

vengono erogati interventi rivolti a malati con bisogni clinici e assistenziali complessi legati anche all’instabilità clinica e ai sintomi di difficile controllo, per i quali gli interventi di base sono inadeguati.

Tali interventi sono gestiti in modo specifico da équipe multiprofessionali e multidisciplinari dedicate all’attività di cure palliative e richiedono un elevato livello di competenza e modalità di lavoro interdisciplinare, di tale livello assistenziale il referente clinico è il medico palliativista.

 

 Le prestazioni mediche sono garantite da professionisti in possesso dei requisiti previsti dalla recente normativa (specialità nella disciplina Cure Palliative o equipollente).

Il personale operante nella struttura possiede le competenze previste dalla normativa vigente per l’erogazione di cure palliative.

 

Come si attiva il servizio – presa in carico.

Il servizio può essere attivato facendo richiesta direttamente alla Fondazione.

L’operatore della Fondazione, ricevuta la richiesta di attivazione, provvederà a contattare la famiglia per concordare la valutazione del paziente e l’organizzazione del servizio.

La CP Dom della Fondazione Anni Sereni Onlus garantendo la presa in carico rispetta le seguenti tempistiche:

  • colloquio di presa in carico con i familiari (e se possibile con la persona inalata) deve avvenire il prima possibile e comunque deve essere garantita, se necessario, da parte della struttura che vi sia la disponibilità ad effettuare il colloquio entro 24 ore dalla segnalazione.
  • prima visita entro 48 ore dal colloquio, salvo differenti esigenze espresse dalla famiglia.
  • redazione del PAI entro 72 ore dalla prima visita.

Presso l’Hospice della fondazione Anni Sereni è attivo il servizio di segreteria con servizio di front-office, anche telefonico, dal lunedì al venerdì.

 

Quando è attivo II servizio

Gli interventi erogabili su tutto il territorio della ASST-BG OVEST da parte dell’UCP Dom sono programmati e articolati in base al PAI:

7 giorni su 7

10 ore/die da lunedì a venerdì

6 ore/die il sabato e festivi

 

E’ garantita la pronta disponibilità medica e infermieristica sulle 24 ore, anche per la necessità di fornire supporto alla famiglia e/o al care giver in funzione del PAI.

E’ individuato il medico palliativista di riferimento per ogni malato assistito, responsabile del programma diagnostico-terapeutico del paziente e punto di riferimento del malato e del suo nucleo familiare.

È individuata la figura del care manager con funzione di coordinamento di natura gestionale-organizzativa sulle attività assistenziali di uno o più pazienti in carico alla struttura.

È individuata, per ogni malato assistito, la figura del case manager con funzione di coordinamento del percorso individuale del malato e del suo nucleo familiare, e di referente della continuità del percorso stesso.

È garantita, come da DGR 5918 /2016 l’attività di supporto al lutto ai familiari, gratuita e gestita dallo Psicologo, per un adeguato periodo post mortem.

È garantita la presenza di un adeguato numero di volontari gestiti e formati da idonee associazioni.

 

Dimissione

La dimissione del paziente può avvenire per:

  • ricovero presso una struttura residenziale ( per es. Hospice)
  • volontà del paziente o dei famigliari
  • decesso del paziente

 

CONTATTI

Per informazioni dettagliate relative alla degenza in hospice o alla presa in carico in cure palliative domiciliari è possibile rivolgersi alla coordinatrice infermieristica del servizio:

cell.335 1299967 per UCP Dom

adi@annisereni.net

oppure agli uffici amministrativi (dal lunedì al venerdì 8,30 -17,30)

036344063; 036341612; fax 0363597454; segreteria@annisereni.net

 

COME CONTATTARCI

 Per informazioni dettagliate e per l’attivazione del servizio è possibile rivolgersi alla

sig.ra GATTI ANNA MARIA coordinatrice infermieristica del servizio ADI,

dal lunedì al venerdì al numero telefonico: 335.12.999.67

adi@annisereni.net

Oppure presso i nostri Uffici Amministrativi:

0363.44063 – 0363.41612

fax: 0363.59.74.54

segreteria@annisereni.net

ufficio segreteria dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 17.30

 

RSA  Aperta

Che cosa è la RSA aperta

La DGR 2942 del 19 dicembre 2014 ha istituito degli interventi a sostegno della famiglia e dei suoi componenti fragili, in attuazione della DGR 116/2013. Il 17 gennaio 2018 con DGR 7769 Regione Lombardia ha definito le regole di accesso e le prestazioni erogabili.

Destinatari

Le famiglie del distretto di Treviglio e Romano di Lombardia al cui interno sia presente una condizione di fragilità:

  • Persone non autosufficienti che abbiano compiuto 75 anni;
  • Anziani in condizione di non autosufficienza anche per Alzheimer o altre demenze senili.

Modalità di ammissione e dimissione

La persona che intende accedere ad una delle misure previste deve contattare direttamente la Fondazione che fornirà il modulo di richiesta.

Entro dieci giorni dalla ricezione del modulo completo di tutta la documentazione necessaria l’Equipe della Fondazione si recherà al domicilio per la valutazione multidimensionale del paziente e per definire il Progetto Individuale. Il Progetto definisce:

  • l’indicazione della misura per la quale viene attivato il progetto;
  • gli obiettivi e le condizioni necessarie al raggiungimento degli esiti desiderati tenendo conto, compatibilmente con la fragilità della persona e la necessità di garantire le risposte più adeguate, delle aspettative e delle priorità della persona e dei suoi familiari;
  • il mix di prestazioni/interventi più adeguati a rispondere al bisogno;
  • il valore del voucher commisurato al bisogno (max 350,00 euro mensili)
  • la durata ipotizzata, (massimo 12 mesi) tenendo conto che comunque lo stesso, può essere rivalutato adeguato alle mutate condizioni della persona, su richiesta del Soggetto gestore
  • l’elenco dei Soggetti erogatori

Successivamente, entro 5 giorni, la Fondazione redige il Piano di Assistenza Individualizzato e lo consegna al beneficiario.

Il PAI può essere sospeso o interrotto per:

  • Ricovero in struttura ospedaliera/riabilitativa;
  • Soggiorno di vacanza del beneficiario;
  • Volontà del paziente o dei suoi famigliari;
  • Venir meno delle condizioni di bisogno.

Tipologia delle prestazioni

  • Prestazioni infermieristiche, di prelievo o di assistenza tutelare, che comunque non escludono la presa in carico da parte dell’Assistenza Domiciliare Integrata;
  • Attività di mantenimento e riattivazione psicofisica;
  • consulenze/prestazioni di personale specialistico in relazione ai bisogni della famiglia e della persona (es. psicologo, geriatra ecc.);
  • consulenza per adattamento dell’ambiente domestico, soluzioni domotiche, ausili ecc.;
  • addestramento della famiglia o dell’assistente personale per le attività di accudimento;
  • facilitazione della famiglia alla partecipazione di gruppi di mutuo aiuto;
  • integrazione del lavoro della persona che si prende cura del paziente o sostituzione temporanea per prestazioni assistenziali.
  • periodi di sollievo
  • assistenza temporanea in struttura o al domicilio garantendo un assistente personale debitamente formato/aggiornato;
  • Stimolazione cognitiva;
  • Supporto psicologico e terapia occupazionale;
  • Fisioterapia in struttura;
  • Bagni assistiti in struttura

l’èquipe è formata da operatori socio assistenziali e socio sanitari, infermiere professionale, medico, psicologa, fisioterapista e educatrice professionale.

PRESTAZIONI AGGIUNTIVE

Qualora il beneficiario richieda prestazioni aggiuntive rispetto a quanto previsto dal piano di assistenza individualizzato, queste saranno contrattualizzate direttamente fra il beneficiario e il Soggetto Gestore, secondo il seguente tariffario:

TARIFFE PRESTAZIONI AGGIUNTIVE AL DOMICILIO

 
PRELIEVO € 15,00 cadauno
PRESTAZIONI INFERMIERISTICHE € 27,00 per accesso
PRESTAZIONI ASSISTENZIALI € 21,00 per accesso
PRESTAZIONI FISIOTERAPICHE € 27,00 per accesso
EDUCATORE/ANIMATORE € 24,00 per accesso
CONSULENZA PSICOLOGICA € 48,00 per accesso
CONSULENZA MEDICA € 54,00 per accesso

TARIFFE PRESTAZIONI AGGIUNTIVE IN STRUTTURA

 
BAGNO ASSISTITO € 25,00 cadauna

 

COME CONTATTARCI

Per informazioni dettagliate e per l’attivazione del servizio è possibile rivolgersi alla sig.ra FRANCESCA MANCASTROPPA, referente per le cure domiciliari.

La segreteria della Fondazione è attiva dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 17.30.

Tel.: 0363.44063 – 0363.41612

fax: 0363.59.74.54 – e-mail: adi@annisereni.net

 

Fondazione Anni Sereni Onlus - Cookie policy - Privacy policy